Archivi categoria: Taiji

Inizio Corsi di Kung Fu e Taiji Quan

Dopo un calda estate di pausa, si sono avviati i corsi dell’asd Tao Shu per l’anno 2017/2018. Sono 3 le attività principali offerte dall’associazione:

In ognuno dei corsi sono state introdotte delle novità per ampliare, perfezionare e completare l’allenamento in modo da ottenere un miglior risultato e rendere sempre più efficace l’attività svolta in palestra.

Oltre ai corsi principali verranno proposte durante l’anno diverse attività, inclusi stage, lezioni dimostrative o incontri aperti nel quale sarà possibile apprezzare sempre di più le potenzialità e cogliere tutti quegli aspetti profondi che le discipline cinesi possono donarci.

Partecipa ad una lezione di prova gratuitamente!

Per ulteriori informazioni contattaci:

E-mail: info@taoshu.it      Tel: +39 3294044947

Lezione gratis di Kung Fu e Tai Chi Quan

Periodicamente l’associazione organizza lezioni aperte a chiunque per far avvicinare le persone allo stupendo mondo delle arti marziali cinesi

Il 20 Maggio presso il Parco Unicef di Castrignano dei Greci (Le) si è tenuta una lezione aperta di Tai Chi Quan e di Kung Fu Tradizionale. Le numerose persone che hanno deciso di partecipare hanno avuto modo di praticare godendo, al tempo stesso, del tramonto che ha reso ancora più speciale l’atmosfera creatasi.

Allenamento intensivo sulla sabbia

“Praticare sulla sabbia è un esperienza che ogni artista marziale dovrebbe inserire nel proprio allenamento o quantomeno provare almeno una volta nella vita”

Adattare il proprio corpo ad ogni luogo e situazione è di fondamentale importanza nelle arti marziali. Bisogna sempre essere pronti ad adeguarsi a tutto ciò che ci circonda.

Un ottimo metodo per aumentare le proprie abilità è quello di uscire dalla classica palestra e percepire la differenza che un terreno estraneo può darci. Non più quattro mura ed un pavimento regolare ma un continuo mutare ed affondare cambiando il proprio equilibrio. 

Allenarsi sulla sabbia

La sabbia, tra tutti i terreni possibili, è sicuramente un ottimo banco di prova. Oltre che aumentare la potenza delle gambe, permette di provare nuove sensazioni e perfezionare sempre di più il proprio radicamento. Se a questa si aggiunge un allenamento tradizionale, il divertimento ed i benefici crescono in maniera esponenziale. 

Imparare dai monaci shaolin

Dal Monastero di Shaolin e da tutti i più grandi maestri di Kung Fu, sono giunti a noi i più svariati ed efficaci metodi di allenamento. Alcuni di questi possono essere svolti con un semplice vaso di terracotta. Mantenerlo in tutte le diverse posizioni fondamentali per qualche minuto agisce su diversi aspetti allo stesso tempo. Permette di sviluppare la stabilità, di rafforzare la parte alta del corpo e di capire quale punto bisogna rilassare ed allineare per un migliore uso dell’energia. In questo modo la struttura muscolo-scheletrica diventa un unico blocco resistente, come se fosse un singolo condotto pieno d’acqua.

Per incrementare ulteriormente il livello si può decidere di riempire gradualmente il vaso con la sabbia e di cambiare la presa durante la transizione da un lato all’altro. 

Nel video si può vedere un esempio di allenamento intensivo sulla sabbia in uno degli appuntamenti dell’associazione Tao Shù, in uno dei posti più belli del Salento, presso i Laghi Alimini. 

Taiji e Kung Fu a scuola

Inizia l’appuntamento divulgativo dell’asd Tao Shu nelle scuole. Dopo secoli di segretezza, le antiche discipline marziali e terapeutiche Cinesi iniziano ad essere conosciute sempre di più nel mondo.

Giovedì 18 Maggio, per tutta la mattinata, le classi dell’IISS Cezzi de Castro/Moro di Maglie (LE), hanno avuto modo di conoscere e sperimentare la profondità  della conoscenza propria delle discipline cinesi. Attraverso una piccola lezione teorica, accompagnata da delle dimostrazioni pratiche eseguite dagli Istruttori dell’associazione, si è potuto comprendere meglio il significato dei vari termini ed i benefici derivanti dallo studio del Taiji e del Kung Fu Tradizionale.  Dopo un piccolo accenno alle differenze ed alle varietà di stile nel Kung Fu (stili interni e stili esterni, stili imitativi,  stili con armi, ecc ), si è visto in che modo il Taiji, da disciplina terapeutica possa diventare un arte marziale  ed allo stesso tempo un tipo di meditazione in movimento.

Gli studenti hanno anche avuto modo di provare delle semplici tecniche di automassaggio e di Qi Gong appartenenti alla Medicina Tradizionale Cinese (MTC).

 

Il saluto nelle arti marziali

Nelle arti marziali orientali un’attenzione fondamentale viene data al saluto. Il praticante di Kung Fu, Karate, Judo, Aikido, Ju-jitsu o di qualunque arte marziale, usa il saluto per iniziare e finire la pratica nel migliore dei modi.

Significato del saluto nelle arti marziali

Anche se apparentemente il saluto è diverso in tutte le arti marziali, l’idea di base rimane sempre la stessa. Nel momento in cui il praticante fa il saluto dovrebbe concentrare tutti i suoi pensieri nella pratica fino a che non finisce la lezione.

Un altro aspetto fondamentale del saluto è il rispetto. Più che un semplice gesto meccanico, il saluto dovrebbe diventare un modo per mostrare il proprio rispetto verso i compagni, verso il maestro, verso il luogo di allenamento e verso l’arte praticata, rispettando in questo modo anche chi nel passato ha contribuito allo sviluppo della stessa.

Il saluto nel Kung Fu/Wushu e nel Tai Chi Quan

“Bao Quan Li ( 包拳礼 )

Il saluto nelle arti marziali cinesi viene chiamato Bao Quan Li ( 包拳礼 ) o cerimonia del pugno avvolto. Viene fatto avvolgendo con il palmo della mano sinistra il pugno della mano destra ed allo stesso tempo si piega leggermente il busto in avanti facendo un piccolo inchino.

Questo tipo di saluto viene usato in cina non solo nelle arti marziali ma anche durante la vita quotidiana. L’unica differenza è dovuta al fatto che il saluto marziale ha il palmo sinistro con le dita distese mentre in quello più informale la mano sinistra avvolge completamente e con dolcezza il pugno destro.

Significati del Bao Quan Li

Il significato principale del saluto cinese è la dualità (yin/yang) racchiusa nel suo gesto. 

TAIJISFERA

Il pugno destro chiuso rappresenta la capacità di combattere, rappresenta la guerra e le doti del marzialista di saperla mettere in atto; mentre il palmo sinistro aperto, la capacità di mantenere la pace, il potere di controllare il combattimento.

Il pugno destro è sinonimo di forza e potenza mentre il palmo sinistro indica la virtù e la voglia di non far mutare la forza in violenza.

Il gesto del Bao Quan Li viene solitamente accompagnato da alcune parole specifiche dette dal maestro e dagli allievi sia ad inizio che a fine lezione.

Inizio lezione

同学們好 Tong Xue men Hao (Studenti benvenuti)

老師好 Lao Shi Hao (Maestro benvenuto)

Fine lezione

同学們 再見 Tong Xue men Zai Jian (Studenti arrivederci)

老師 再見 Lao Shi Zai Jian (Maestro arrivederci)

Il saluto del Kung Fu con le armi

Nel Kung Fu/Wushu un’attenzione particolare è data all’uso delle armi. Tra tutte le armi usate, circa una quindicina, 5 vengono ritenute quelle fondamentali. Esse sono il bastone (gun), la spada dritta (jian), la sciabola (dao), la lancia (qiang) e le mani (quan). Ogni singola arma ha un saluto particolare che la contraddistingue.

Il saluto col bastone (gun) viene fatto impugnandolo nella mano destra ed è tenuto verticalmente e leggermente staccato da terra; la mano sinistra viene poggiata sulla destra con il palmo aperto.

Il saluto con la lancia (qiang) viene fatto impugnandola dalla base con la mano destra e poggiando la mano sinistra col palmo aperto.

saluto gun
saluto qiang

Il saluto con la spada (jian) e con la sciabola (dao) vengono fatti impugnandole con la mano sinistra e mantenendole rivolte verso l’esterno; la mano destra viene poggiata col palmo aperto. Da notare che con queste due armi, così come per il ventaglio (shan), il palmo aperto è quello della mano destra.

saluto jian
saluto dao
saluto shan

Il saluto, in definitiva, non deve mai essere fatto con leggerezza ma, ogni singola volta, si dovrebbe racchiudere nel gesto rispetto, educazione e tutti i valori propri delle arti marziali orientali. Se fatto con la giusta intenzione ed il giusto animo, permette di creare e mantenere l’armonia tra i praticanti e verso se stessi.